Albi illustrati un mondo per adulti e bambini

Albi illustrati

Cosa sono gli albi illustrati?

Definire l’albo illustrato non è semplice, infatti, spesso si parla indifferentemente di albo, albo illustrato, libro con le figure, libro illustrato; ma si usano anche altre definizioni – come, ad esempio, libri cartonati, primi-libri, libri-gioco, libri-giocattolo, libri animati –.
Le definizioni quindi non sono univoche e si riferiscono più al materiale utilizzato e alla struttura del libro. Nel linguaggio quotidiano, i termini vengono spesso usati in modo molto generico, tanto che in molte librerie alla richiesta del cliente di “albi illustrati” può accadere che la risposta sia quella di consultare libri con le figure da colorare. 

La parola albo deriva dal francese album. Albo illustrato e libro di figure definiscono di solito un libro con sole immagini a cui si affianca un testo scritto, caratterizzato da poche parole o frasi brevi o comunque una brevissima storia. Quando ci si trova di fronte ad una storia più lunga, con racconti più ampi alternati da illustrazioni, si può definire il libro come libro illustrato o libro con le figure

 

Albi illustrati
Campanellino d'argento di Gioia Marchegiani

Un focus sulle emozioni degli albi illustrati

Ma, al di là delle definizioni, vorrei fare un focus su cosa suscitano questi libri sia nei bambini che negli adulti.

Se mi segui da un po’ saprai sia della mia passione per gli albi illustrati, sia del fatto che anni fa ho fatto una tesi sull’albo illustrato a termine di un master in artiterapie, dal titolo: “L’albo illustrato come strumento di esplorazione emotiva”. Nella tesi mi sono riferita ad albi per diverse fasce d’età ed il fil rouge era quello di una caratteristica che accomuna tutti questi libri: ovvero il suscitare le emozioni sia in adulti, adolescenti che bambini.

Ho parlato della tesi anche con Stesi dalle tesi qui.

Tornando alla descrizione dell’albo, per descriverlo, in poche parole, si può dire che è un libro di formato variabile, che comunica la sua storia attraverso le immagini. Generalmente è di poche pagine (di solito un massimo di 50), con copertina cartonata (ma non sempre), e brevi testi che accompagnano le illustrazioni. E’ pensato per bambini, ma rivolto anche agli adulti.               

Albi illustrati
La voliera d'oro Anna Castagnoli e Carl Cneut

Le caratteristiche principali degli albi illustrati

Le caratteristiche principali dell’albo illustrato che mi hanno maggiormente colpito e affiancato nella ricerca e nel lavoro sono state a mio avviso le seguenti:               

  • testo e immagine, ovvero: l’albo illustrato classico – eccezione fatta dai silent book – è caratterizzato da un alternarsi di testo e immagine, ognuno di essi ha “peso”, senso ed importanza;
                           
  • ha generalmente una copertina rigida;
                           
  • ha suono e ritmo, nel senso che nel leggerlo si percepisce un suono nelle parole e un ritmo nelle illustrazioni che le accompagnano, le interpretano;
                           
  • suscita emozioni, ovvero: lo scopo di ogni albo oltre che far riflettere su un argomento è quello di lasciare delle emozioni nel lettore;               
  • evoca ricordi, soprattutto nei più grandi, ricordi relativi alla propria infanzia o adolescenza;

  •  immaginativo, permette di immaginare storie e personaggi, mondi ed “emozioni possibili”, ovvero quelle emozioni che non sempre riusciamo ad ascoltare;

  • è poetico, infatti grazie al suono e al ritmo spesso l’albo illustrato risulta poetico e per questo può apparire ad una prima lettura poco “ricco”, ma non è così, in realtà necessita di un suo tempo di lettura, attenzione e riflessione che è diversa da altri testi;

 

Preferisci ascoltare?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.