Condividi su: Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

 

 

Mandala intessuto
Mandala intessuto

I mandala di lana si chiamano “Ojo de Dios“, occhio di Dio.
Derivano dalla tradizione degli Huicholes e vengono costruiti anche da altre nazioni indiane, Navajo, Lakota e dalle popolazioni della Bolivia, del Cile, il Tibet e di altri luoghi.
La tradizione vuole che, quando nasce un bambino, il padre inizi la costruzione di un “occhio” e aggiunga un giro di un altro colore, ad ogni anno di età del bambino, fino all’età di cinque anni.

I nativi dicono che l’Occhio di Dio serve a conoscere l’inconoscibile.

In altre culture gli “Ojo de Dios” vengono appesi sul tetto delle case per tenere lontani gli spiriti maligni; altri popoli li costruiscono  mettendoci un intento e li appendono a un albero per propiziare l’avverarsi della preghiera. Per lo stesso motivo i mandala possono venire bruciati o seppelliti nella terra.

Si possono costruire mettendoci una preghiera, un augurio per un dono o a semplice scopo meditativo e/o decorativo.

Fonti e approfondimenti:

www.ojos-de-dios.com

http://mandalastrip.blogspot.com

http://it.wikihow.com

www.mandalaweb.info

https://tinafesta.wordpress.com

http://punambazar.blogspot.it

http://www.arteamorefantasia.net

 

Mandala Intessuto – Ojo de Dios
Tag:         

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>